Mi Fu

DOWNLOAD NOW »

Author: Peter Charles Sturman

Publisher: Yale University Press

ISBN: 9780300065695

Category: Art

Page: 276

View: 7660

Mi Fu was a prominent calligrapher in 11th-century China. This analysis of his work considers content and style, and examines his calligraphy within the framework of the artist's life, the Northern Song culture in which he lived and the literati theory of art he helped to formulate.

Rhetoric and the Discourses of Power in Court Culture

China, Europe, and Japan

DOWNLOAD NOW »

Author: David R. Knechtges,Eugene Vance

Publisher: University of Washington Press

ISBN: 0295802367

Category: Literary Criticism

Page: 352

View: 6842

Key imperial and royal courts--in Han, Tang, and Song dynasty China; medieval and renaissance Europe; and Heian and Muromachi Japan--are examined in this comparative and interdisciplinary volume as loci of power and as entities that establish, influence, or counter the norms of a larger society. Contributions by twelve scholars are organized into sections on the rhetoric of persuasion, taste, communication, gender, and natural nobility. Writing from the perspectives of literature, history, and philosophy, the authors examine the use and purpose of rhetoric in their respective areas. In Rhetoric of Persuasion, we see that in both the third-century court of the last Han emperor and the fourteenth-century court of Edward II, rhetoric served to justify the deposition of a ruler and the establishment of a new regime. Rhetoric of Taste examines the court�s influence on aesthetic values in China and Japan, specifically literary tastes in ninth-century China, the melding of literary and historical texts into a sort of national history in fifteenth-century Japan, and the embrace of literati painting innovations in twelfth-century China during a time when the literati themselves were out of favor. Rhetoric of Communication considers official communications to the throne in third-century China, the importance of secret communications in Charlemagne�s court, and the implications of the use of classical Chinese in the Japanese court during the eighth and ninth centuries. Rhetoric of Gender offers the biography of a former Han emperor�s favorite consort and studies the metaphorical possibilities of Tang palace plaints. Rhetoric of Natural Nobility focuses on Dante�s efforts to confirm his nobility of soul as a poet, surmounting his non-noble ancestry, and the development of the texts that supported the political ideologies of the fifteenth-century Burgundian dukes Philip the Good and Charles the Bold.

Zhou Mi's Record of Clouds and Mist Passing Before One's Eyes

An Annotated Translation

DOWNLOAD NOW »

Author: Mi Zhou

Publisher: BRILL

ISBN: 9789004126053

Category: Social Science

Page: 363

View: 9117

An annotated translation of Zhou Mi's (1232-1298) "Record of Clouds and Mist Passing Before One's Eyes (Yunyan guoyan lu)," A valuable contribution to help broaden our understanding of the early care and transmission of artworks, the social dimensions of art collecting, and the development of a multi-ethnic society in Yuan China.

Theorie der neuronalen Netze

Eine systematische Einführung

DOWNLOAD NOW »

Author: Raul Rojas

Publisher: Springer-Verlag

ISBN: 3642612318

Category: Computers

Page: 446

View: 8650

Neuronale Netze sind ein Berechenbarkeitsparadigma, das in der Informatik zunehmende Beachtung findet. In diesem Buch werden theoretische Ansätze und Modelle, die in der Literatur verstreut sind, zu einer modellübergreifenden Theorie der künstlichen neuronalen Netze zusammengefügt. Mit ständigem Blick auf die Biologie wird - ausgehend von einfachsten Netzen - gezeigt, wie sich die Eigenschaften der Modelle verändern, wenn allgemeinere Berechnungselemente und Netztopologien eingeführt werden. Jedes Kapitel enthält Beispiele und ist ausführlich illustriert und durch bibliographische Anmerkungen abgerundet. Das Buch richtet sich an Leser, die sich einen Überblick verschaffen oder vorhandene Kenntnisse vertiefen wollen. Es ist als Grundlage für Neuroinformatikvorlesungen an deutschsprachigen Universitäten geeignet.

Art Without Borders

A Philosophical Exploration of Art and Humanity

DOWNLOAD NOW »

Author: Ben-Ami Scharfstein

Publisher: University of Chicago Press

ISBN: 0226736113

Category: Philosophy

Page: 558

View: 5302

People all over the world make art and take pleasure in it, and they have done so for millennia. But acknowledging that art is a universal part of human experience leads us to some big questions: Why does it exist? Why do we enjoy it? And how do the world’s different art traditions relate to art and to each other? Art Without Borders is an extraordinary exploration of those questions, a profound and personal meditation on the human hunger for art and a dazzling synthesis of the whole range of inquiry into its significance. Esteemed thinker Ben-Ami Scharfstein’s encyclopedic erudition is here brought to bear on the full breadth of the world of art. He draws on neuroscience and psychology to understand the way we both perceive and conceive of art, including its resistance to verbal exposition. Through examples of work by Indian, Chinese, European, African, and Australianartists, Art Without Borders probes the distinction between accepting a tradition and defying it through innovation, which leads to a consideration of the notion of artistic genius. Continuing in this comparative vein, Scharfstein examines the mutual influence of European and non-European artists. Then, through a comprehensive evaluation of the world’s major art cultures, he shows how all of these individual traditions are gradually, but haltingly, conjoining into a single current of universal art. Finally, he concludes by looking at the ways empathy and intuition can allow members of one culture to appreciate the art of another. Lucid, learned, and incomparably rich in thought and detail, Art Without Borders is a monumental accomplishment, on par with the artistic achievements Scharfstein writes about so lovingly in its pages.

Die Konkurrenzreliefs

Brunelleschi und Ghiberti im Wettbewerb um die Baptisteriumstür in Florenz

DOWNLOAD NOW »

Author: Hanno Rauterberg

Publisher: LIT Verlag Münster

ISBN: 9783825827380

Category: Art

Page: 260

View: 5195

Meine Gefängnisse

Denkwürdigkeiten

DOWNLOAD NOW »

Author: Silvio Pellico

Publisher: N.A

ISBN: N.A

Category: Authors, Italian

Page: 200

View: 1580

Über die Lais, Sequenzen und Leiche

ein Beitrag zur Geschichte der rhythmischen Formen und Singweisen der Volkslieder und der volksmässigen Kirchen- und Kunstlieder im Mittelalter

DOWNLOAD NOW »

Author: Ferdinand Joseph Wolf

Publisher: N.A

ISBN: N.A

Category: Lays

Page: 514

View: 2589

Erkenntnis und Irrtum

Skizzen zur Psychologie der Forschung

DOWNLOAD NOW »

Author: Ernst Mach

Publisher: BoD – Books on Demand

ISBN: 3843046085

Category: Fiction

Page: 432

View: 5199

Ernst Mach: Erkenntnis und Irrtum. Skizzen zur Psychologie der Forschung Erstdruck: Leipzig (Johann Ambrosius Barth) 1905. Der Text folgt der postum erschienenen 3. durchgesehenen Auflage: Leipzig (Johann Ambrosius Barth) 1917; der Anhang bleibt unberücksichtigt. Widmung: »Wilhelm Schuppe in herzlicher Verehrung gewidmet.« Neuausgabe mit einer Biographie des Autors. Herausgegeben von Karl-Maria Guth. Berlin 2017. Textgrundlage ist die Ausgabe: Ernst Mach: Erkenntnis und Irrtum. Skizzen zur Psychologie der Forschung. Dritte durchgesehene Auflage, Leipzig: Johann Ambrosius Barth, 1917. Die Paginierung obiger Ausgabe wird in dieser Neuausgabe als Marginalie zeilengenau mitgeführt. Umschlaggestaltung von Thomas Schultz-Overhage unter Verwendung des Bildes: Ernst mach, Fotographie von Charles Scolik, 1905. Gesetzt aus der Minion Pro, 11 pt.

Ginevra o L’Orfana della Nunziata

DOWNLOAD NOW »

Author: Antonio Ranieri

Publisher: eBook Free

ISBN: N.A

Category:

Page: 385

View: 6526

Al lettore L'autore dichiara che, come non ha inteso di ritrarre in questo libro i costumi della Nunziata in particolare, ma, tolta quindi l'occasione, quelli di tutta la città di Napoli in generale, così non ha inteso né anche di ritrarvi nessun uomo in atto, ma molte nature d'uomini in idea. E però, di chiunque fosse, cui paresse di raffigurarsi in qualcuno dei ritratti che quivi s'incontrano, egli direbbe, a uso di Fedro: Stulte nudabit animi conscientiam. Notizia intorno alla Ginevra Non si appartiene a me di giudicare questo libro. Il supremo giudice dei libri, è il tempo. Un libro può essere tre cose: una cosa nulla, una cosa rea, una cosa buona. Il tempo risponde con un immediato silenzio alla prima; con un meno immediato alla seconda; con una più o meno continua riproduzione alla terza. E il suo giudizio è inappellabile. Nondimeno, poiché fu sì fitto e sì lungo il silenzio in cui ci profondarono i nostri confederati tiranni, da potersi veramente affermare, che solamente pochissimi, non modo aliorum, sed etiam nostri, superstites sumus, parmi indispensabile che il nuovo lettore non ignori la storia del libro ch'ora viene innanzi. Fra il 1830 e il 1831, esule ancora imberbe, capitai in Londra, o, più tosto, mi capitò in Londra alle mani un aureo lavoro d'un altro esule, assai più riguardevole e provetto di me, il conte Giovanni Arrivabene: nel quale egli mostrava partitamente tutto quanto quella gran nazione ha trovato, in fatto di pubblica beneficienza, per lenire, se non guarire del tutto, quelle grandi piaghe che le sue medesime instituzioni le hanno aperte nel fianco. Alcuna volta, il cortesissimo autore, più di frequente, il suo giudizioso volume, mi fu guida e scorta nelle mie corse per quegli ospizi. Ed allettato da sì generosa mente a sì generosi studi, li perseverai per quasi tutta Europa, e preparai e dischiusi l'animo a quei grandi dolori, ed a quelle più grandi consolazioni, che l'uomo attinge, respettivamente, dallo spettacolo dei mali dei suoi fratelli più poveri, e da quello delle nobilissime fatiche e dei quasi divini sforzi di coloro che si consacrano a medicarli. Surse finalmente per me il grande νόςτιμον ᾖμαρ, il gran dì del ritorno. Mia madre (quel solo tesoro d'inesausta gioia e d'implacato dolore, secondo che il Fato lo concede o lo ritoglie al mortale) non era più. Essa aveva indarno chiamato a nome il figliolo nell'ora suprema, che l'era battuta ancora in fiore. E quel bisogno di effondersi e di amare, che, secondo l'antica sapienza, dove non ascenda o discenda, si sparge ai lati e si versa su i fratelli, mi rimenò ai più poveri di essi, negli ospizi... negli ospizi di Napoli, che s'informavano inemendabilmente dal prete e dal Borbone. Io vidi, e studiai, l'ospizio dei Trovatelli, che quivi si domanda, della Nunziata: e scrissi le carte che seguiranno. E ch'io dicessi la verità, lo mostrarono le prigioni ove fui tratto, e dove, a quei tempi, la verità s'espiava. Ve n'era, nel libro, per la Polizia e per l'Interno: benché assai meno di quel che all'una ed all'altro non fosse dovuto. Francesco Saverio Delcarretto e Niccolò Santangelo, ministri, l'uno dell'una, l'altro dell'altro, vanitosi amendue, e nemicissimi fra loro (né dirò più di due morti), si presero amendue di bella gara; prima di opprimermi; poi, di rappresentare, l'uno, più furbo, lo scagionato, quasi morso solo l'altro; l'altro, più corrivo, l'inesorabile, quasi morso lui solo: e, dopo aver domandato, prima, amendue di conserto, isole ed esilii; poi, il più furbo, una pena rosata, il più corrivo, il manicomio; Ferdinando secondo, furbissimo fra i tre, mi mandò, dove solo non potevo più nuocere, a casa. Ma le furie governative furono niente a quelle dei preti; dei quali, ritorcendo un motto famoso, si può affermare francamente, che, ovunque sia un'ignobile causa a sostenere, quivi sei certissimo di doverteli trovare fra i piedi. Un Angelo Antonio Scotti, nel suo cupo fondo, ateo dei più schifosi, e, palesemente, autore d'un catechismo governativo, onde Gladstone trasse l'invidioso vero, che il governo borbonico era la negazione di Dio, s'industriava, dalla cattedra e dal pergamo, di fare, del sognato dritto divino dei principi, una nuova e odierna maniera di antropomorfismo. Questo prete cortese, ch'era come il Gran Lama di tutta l'innumerabile gesuiteria EXTRA MUROS, per mostrarsi di parte, corse, co' suoi molti neòfiti, tutte le librerie della città, bruciando il libro ovunque ne trovava copie. Poi, in un suo conventicolo dai Banchi Nuovi, sentenziò solennemente, ch'era bene di bruciare il libro, ma che, assai migliore e più meritorio, sarebbe stato di bruciare l'autore a dirittura. Ed, in attendendo di potermi applicare i nuovi sperati roghi di carbon fossile (ch'è la più viva aspirazione di questa genia), mi denunziò nella Rivista gesuitica la Scienza e la Fede (nobile madre della Civiltà Cattolica) come riunitore d'Italia e, di conseguenza, bestemmiatore di Dio; appunto in proposito di un libro, nel quale, per mezzo della purificazione della creatura, io m'era più ferventemente studiato di sollevare tutti i miei pensieri al Creatore! Ma, qualunque fosse stata l'imperfezione mia e del mio libricciuolo, la Gran Fonte di ogni bene non lasciò senza premio la nobiltà o l'innocenza dell'intenzione. L'onnipotenza dell'opinione pubblica, ch'è la più bella e più immediata derivazione dell'onnipotenza divina, dileguò vittoriosamente tutti que' tetri ed infernali fantasmi. E fatto che fu il sereno intorno, seguì quel miracolo consueto, contra il quale si rompe ogni di qualunque più duro scetticismo. Che, come Dio sa servirsi insino delle stesse perverse passioni degli uomini, e, in somma, insino del male, per asseguire il bene; così, prima, l'amministrazione accagionata, per iscagionar se e rovesciare sopra me il carico di mentitore, poi, le susseguenti, per mostrare se ottime e le precedenti pessime, vennero, di mano in mano, alleggerendo quelle ineffabili miserie. In tanto che, scorsi molti anni, quibus invenes ad senectutem, senes prope ad ipsos exactae aetatis terminos, PER SILENTIUM, venimus; un dì (correva, credo, il cinquantotto) camminando penseroso per la via della Nunziata, ed avendo la mente rivolta assai lontano dalle care ombre della mia giovinezza (fra le quali la Ginevra fu la carissima); un bravo architetto, il cavalier Fazzini, mi chiamò, per nome, dal vestibolo dell'ospizio, ch'era tutto in restauro. E mostrandomi un esemplare del libro, ch'aveva alle mani (e che, a un tratto, mi sembrò come una cara larva che tornasse a salutarmi di là donde mai non si torna!), m'invitò di venir dentro, e di riscontrare se tutto era stato attuato secondo l'intendimento del volume perseguitato! Distrutta la prima nitida e correttissima edizione, la cupidità ne partorì una seconda, che il pericolo rendette grossolana e scorretta, e che il desiderio e la persecuzione consumarono di corto. Ora compie il ventunesim'anno che qualche esemplare strappato n'è pagato una cosa matta. E l'ottenere quello sopra il quale è seguita questa terza edizione, è stato un miracolo dell'amicizia. Torino a dì 1 gennario MDCCCLXII. Antonio Ranieri