In giro per l'Italia con Giordano Bruno

DOWNLOAD NOW »

Author: Tullio Palo

Publisher: Youcanprint

ISBN: 8892669885

Category: Philosophy

Page: 178

View: 4691

Il lavoro vuole celebrare il filosofo nolano Giordano Bruno e il suo "libero pensiero" attraverso la ricerca in tutta Italia dei monumenti, delle lipidi e targhe commemorative, delle intitolazioni di piazze e strade realizzate dalle amministrazioni comunali, associazioni, circoli culturali ed anche da privati a perenne ricordo di Bruno e del suo pensiero tanto osteggiato dal papato nel Seicento e rivalutato nella seconda metà dell' 800.

Suggestioni di viaggio. In giro per l'Italia e per il mondo

DOWNLOAD NOW »

Author: Yvonne Carbonaro

Publisher: Albatros Edizioni

ISBN: 8899906173

Category: Travel

Page: 236

View: 6229

L’opera propone una serie di suggestioni sparse raggruppate sul criterio di un graduale passaggio dal vicino al lontano, in giro per l’Italia e per il mondo. Osservazioni, curiosità e indicazioni rivolte a chi ama viaggiare, scaturite da esperienze e ricordi; flash di impressioni e considerazioni volte ad incrociarsi ed intrecciarsi con i pensieri e gli aneliti di chi a sua volta ha vissuto o di chi desidera vivere e a far suoi quei sogni. Nell’immaginario del “viaggiatore”, infatti, il viaggio è conoscenza, è ampliamento di orizzonti, è crescita interiore, ma è anche inseguimento di un sogno di felicità in un tempo e in uno spazio differenti dal quotidiano, immaginario ponte con un altrove di luoghi e di genti. Scattare foto ed accompagnarle con “suggestioni di viaggio” risponde all’impulso di fissare emozioni per condividerle e per rivivere nel tempo le storie che sintetizzano. Ed è un riaffiorare segreto di sapori, profumi, colori, sensazioni, immagini di cui l’anima si è imbevuta.

L'Italia migliore

DOWNLOAD NOW »

Author: Vladimir Luxuria

Publisher: Giunti

ISBN: 8858762673

Category: Fiction

Page: 140

View: 4105

LA TRASMISSIONE E LA TV AVEVANO AVUTO UN POTERE CHE NON AVEVA CONSIDERATO, ERA ARRIVATA OVUNQUE.

Uguaglianziopoli l’Italia delle disuguaglianze

povertà, disabilità, malattia

DOWNLOAD NOW »

Author: Antonio Giangrande

Publisher: Antonio Giangrande

ISBN: N.A

Category:

Page: N.A

View: 7105

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verità soggettive e tante omertà son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando l’immagine che dimostra la verità oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!

In giro per l'Italia

a brief introduction to Italian

DOWNLOAD NOW »

Author: Graziana Lazzarino

Publisher: McGraw-Hill Companies

ISBN: 9780072415513

Category: Italian language

Page: 368

View: 9598

Mondo recluso

Vivere in carcere in Italia oggi

DOWNLOAD NOW »

Author: Davide Pelanda

Publisher: Effata Editrice IT

ISBN: 8874025696

Category: Social Science

Page: 208

View: 5734

Questo libro è un viaggio nei penitenziari italiani che offre a chi legge la possibilità di capire qualcosa di più sulla questione carceraria.Ascoltando le storie dei reclusi, si entra in contatto con uomini e donne in carne e ossa con i loro...

Triplo Touche! - Un batterista in giro per l'Europa tra gli anni '60 e '70

DOWNLOAD NOW »

Author: Manuela Caretta

Publisher: Manuela Caretta

ISBN: 8822827961

Category: Biography & Autobiography

Page: N.A

View: 816

"Nel giugno del ’67 Nevio è al Casinò di Montreux, in Svizzera. Questo, diversamente da quello di Cannes, ha un night club fra i cui tavoli incedono sinuosamente le entraîneuse. Durante lo show, che inizia a mezzanotte, dopo il balletto, i comici ed i prestigiatori, si esibiscono le spogliarelliste. Dietro le quinte ognuno ha il suo camerino e nei corridoi si incrociano musicisti ed artisti di varietà. Lì si scambiano racconti di vita e si intrecciando amicizie e relazioni. Arrivano signorine un po’ sciatte in anonimi cappottini grigi, che si lamentano dell’affittacamere che ha dato loro l’ennesimo ultimatum. Si siedono davanti allo specchio e, continuando a parlare nervosamente, si truccano e si vestono trasformandosi in splendide femme fatale. In scena, poco dopo, si sfilano con lasciva lentezza ciò che hanno appena indossato frettolosamente...". Il libro racconta la vita di un musicista di una piccola provincia italiana catapultato, negli esplosivi anni sessanta e settanta, in città europee di respiro internazionale, in locali di grido (casinò, night club, dancing, hotel e ristoranti a 5 stelle) frequentati da personaggi famosi e ricchi magnati. Sono efficacemente tratteggiati episodi emblematici di una vita leggera, frivola, che sembra galleggiare sopra un mondo lacerato da conflitti devastanti: dal Sessantotto al Vietnam, dal terrorismo di destra e di sinistra ai delitti di mafia. Le numerose note approfondiscono temi quali l'emigrazione, il razzismo, la prostituzione, l'emancipazione femminile, l'evoluzione dei gusti musicali e la crisi delle orchestre da night.

Le ragioni di Giulia

DOWNLOAD NOW »

Author: Giulia Chieffi

Publisher: Guida Editori

ISBN: 9788871888149

Category: Fiction

Page: 304

View: 7739

L'Italia nello specchio del Grand Tour

DOWNLOAD NOW »

Author: Cesare De Seta

Publisher: Rizzoli

ISBN: 8858675177

Category: History

Page: 480

View: 8969

I viaggiatori cosmopoliti del Grand Tour hanno costruito l’identità del nostro Paese, hanno contribuito a renderci quello che siamo.

L'Europa in Vespa

DOWNLOAD NOW »

Author: Silla Gambardella

Publisher: Silla Gambardella

ISBN: 8863697531

Category: Travel

Page: N.A

View: 2182

«Cercavo un'esperienza che mi facesse riscoprire il gusto della lentezza, che mi liberasse da tutto ciò che è superfluo e che mi facesse sperimentare la fratellanza tra gli uomini. Così, in sella alla mia Vespa, sono partito per un viaggio attraverso l'Europa. In 18 giorni, ho attraversato 14 nazioni e visitato nove capitali, percorrendo 5000 chilometri. Non ero da solo: con me, sul suo scooter Honda, c'era l'amico Michael Bassett, il miglior compagno di viaggio che si possa desiderare. La meta del nostro giro è stata Copenaghen. Abbiamo soggiornato in campeggio o in ostello o a casa di alcuni amici che ci hanno offerto ospitalità. La lentezza dei nostri scooter ha dato valore al nostro tempo, trasformando il nostro viaggio geografico anche in un viaggio interiore.»

1001 mercatini in Italia

DOWNLOAD NOW »

Author: Assunta Corbo

Publisher: Newton Compton Editori

ISBN: 8854159638

Category: Travel

Page: 480

View: 9636

I mercatini hanno un’anima. La merce esposta sui banchi racconta tradizioni, storie passate e tendenze attuali. Da Nord a Sud cambiano le usanze, i gusti, i dialetti e di conseguenza anche la produzione, l’artigianato e gli oggetti in vendita. L’atmosfera del mercato generale di Milano, il più grande d’Italia, non è certo la stessa che si respira alla Vuccirìa di Palermo. Allo stesso modo il mercatino retrò di Napoli non regala le stesse emozioni della famosa mostra-mercato vintage al Castello di Belgioioso. Alcuni sono una vera esperienza sensoriale, come il mercato delle erbe aromatiche e delle spezie di Casola Valsenio, altri vantano una storia centenaria come la Fiera di Sinigaglia di Milano. Stravaganti realtà frequentate da un pubblico talmente vario ed eterogeneo da lasciare stupiti, i mercatini sono diventati la testimonianza del folklore e della tradizione di ogni singola realtà italiana.Faenza: Ieri l’altro – nella patria della ceramicaNovara: Artigianato&etnico – dove si trovano pezzi da tutto il mondoLecce: Mercatino del vinile – immersi nel sound della PugliaCatania: La pescheria – quel folklore che profuma di marePerugia: Perugia Flower Show – tra piante rare e varietà botaniche Zagarolo: Tramando... tessendo – va in scena l’arte della tessituraMonselice: Mercatino dei bambini – un’estate da piccoli venditoriBelluno: Mercatino di Natale – nel cuore delle DolomitiNapoli: i presepi di via san Gregorio armeno – artigiani del presepe DOCPizzighettone: Bicisolobici – le due ruote raccontano la storiaArezzo: Chelonian expo – per acquistare tartarughe rare e comuniMontappone: Il cappello di paglia – qui si comprano solo cappelliMogoro: Fiera del tappeto – anche i tappeti parlano di noiAssunta Corbonasce in provincia di Milano. Laureata in Lingue e Letterature straniere, ha conseguito un Master in Creative Content Writing. Giornalista freelance, negli anni si è specializzata in turismo, spettacoli, costume e società. Oggi collabora con numerose testate e scrive buone notizie sul blog www.thatsgoodnewsblog.com.

Avvelenati

DOWNLOAD NOW »

Author: Giuseppe Baldessarro,Manuela Iatì

Publisher: Città del Sole Edizioni

ISBN: 8873513743

Category: Political Science

Page: 328

View: 1970

C’è un sottile filo rosso che lega il mistero delle navi dei veleni al business del nucleare. È quello stesso filo che mette assieme l’affare somalo e l’omicidio di Ilaria Alpi, il centro Enea di Rotondella e la strage di Ustica. Un altro capitolo dei misteri italiani, nel quale si muovono uomini di ‘ndrangheta, pentiti e trafficanti di armi, loschi figuri e figuranti, faccendieri e pezzi deviati dello Stato. A tracciare i contorni di una storia che parte dagli anni ’80 due giornalisti di razza, Giuseppe Baldessarro (Quotidiano della Calabria, La Repubblica) e Manuela Iatì (Sky Tg24). È sulle coste calabresi che si addensano i più terribili sospetti, apparentemente confermati dal ritrovamento di una nave sui fondali al largo di Cetraro nel settembre scorso. Nave dei veleni o piroscafo silurato nel 1917? Tra Regione Calabria e Ministero dell’Ambiente la battaglia si combatte a suon di perizie. A mettere la parola fine sul caso del relitto ritrovato, il rapporto della GEOLAB, pubblicato per la prima volta in questo libro. Ma la storia delle navi dei veleni non può essere chiusa, come qualcuno vorrebbe. Troppi indizi, coincidenze, dichiarazioni, sospetti. Troppi i nomi e gli eventi che si rincorrono, intrecciando una torbida trama: il faccendiere Giorgio Comerio, il pentito Francesco Fonti, il capitano Natale De Grazia, magistrati, politici, imprenditori, mafiosi. I due giornalisti giungono a una puntuale ricostruzione dei fatti e delle inchieste, delle verità raggiunte o solo sospettate, delineando un quadro inquietante e oscuro. E intanto in Calabria si continua misteriosamente a morire. Prefazione di Antonio Nicaso.

Roma ed il Lazio

Quello che non si osa dire

DOWNLOAD NOW »

Author: Antonio Giangrande

Publisher: Antonio Giangrande

ISBN: N.A

Category:

Page: N.A

View: 5132

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verità soggettive e tante omertà son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando l’immagine che dimostra la verità oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!

GOVERNOPOLI SECONDA PARTE

DEMOCRAZIA INESISTENTE E MALGOVERNO COME ESEMPIO DI MORALITA'

DOWNLOAD NOW »

Author: ANTONIO GIANGRANDE

Publisher: Antonio Giangrande

ISBN: N.A

Category:

Page: N.A

View: 941

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verità soggettive e tante omertà son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando l’immagine che dimostra la verità oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!